Vérité cachée

J'aime l'idée du retour du printemps, la brume dans les narcisses se mêlant aux effluves des bruyères que j'imagine teintées de jaune les portails, les canaux et les grillages. Et dans la...

La tigre

Non sono sicura che la tigre abbia passi felpati. Piomba dai deserti segreti dei nomadi con artigli e dorsi induriti dal fango. Ma io chi sono, che vado...

Oggi

L'oggi è assimetrico tra una fantasia non premeditata e una logora realtà malconcia che non riconosce sorella. Inclinata a destra, a lambire la voluta imperfezione, c'è il sorgere di quest'alba. Ricade...

Lisbon story

Trattengo un tempo tra il mio essere e il suono che provo a dire. Ma resta tra i capelli e la poca luce di questa Alfama. Città...

Nessuno Resta

Nessuno resta nessuno ha parole in mezzo ai campi senza destino, e le rive sono vuote di fiato in mezzo a tanta dissacrazione. Davanti ai quadri di...

Un angelo all’improvviso

Cracovia era lustra di carrozze bianche e cavalli con pennacchi rossi e neri. le piazze fredde di luci e lampioni e ragazze bionde a...

Parigi nevica

E finalmente siamo salvi da uno starsene così, di chi precipita in parole e perdite. Misericordia é solo il modo, la materia di ogni forma dove tutto s'alza e...

il sogno dei vinti

È questo sedersi come nuvola – spazio che coincide – sulle nostre schiene impure - le ali sui cardini sospese - Questo è ciò che mi...

Odissee

L'assenza, quell'indice fermo a mezz'aria a indicare il sussurro, poi il richiamo sonoro, infine l'eco, ai vivi, paradisi estinti, che il miele del mondo scorre tra le scapole...

Paola Casulli, “la poesia è un’identità mobile in una storia di continuità”

Pubblicato il 31 Gennaio 2020 by Grazia Calanna «Ci sono mattini / di pioggia come tamburi / e boschi di periferia sono vangeli d’erba /...