Home Poesie

Poesie

Poesie di Paola Casulli

Madre Africa

La pioggia é venuta. Alla fine. Nelle sere di benedizioni. Sulle pianure dove aspettavo di vedere il mare. Ma solo cavalli immaginati nelle nuvole e il vigore...

Bruchi e foglie

Bruchi e foglie in giardino e sul tavolo libri. Incendiamo albatri e alisei, in questi libri, vomitiamo vulcani e scintilliamo balene. L'Iris appassisce e taglia gli specchi di sottili fessure violacee. E noi...

Noi che sogniamo i temporali

Dalle frontiere implorate a resistere arrivano i temporali. L'Io si chiede il da farsi ma il suo semplice resistere è la fronte che tocca il vento. Le ossa si...

Per poco

Per poco l'apparizione dell'alba non riduce al silenzio la via. Il vuoto di queste nuvole Abbraccia le nostre invenzioni Notturne Le rivoluzioni dell'anima Guizzano di nuove battaglie. Ancora per poco Restiamo con...

Il mirto

Il mirto é a cavalcioni di ringhiere nell'isola verde e il porto, dalle alture, ha remi controvento e vele tra l'oggi e l'astuzia degli Dei. Abbiamo un appartamento di...

Principe di cobalto

Ho uno spirito buono e suole che danzano il tip-tap. Una città con vulcani d'acqua e mari di sirene con tonalità turchese. Ho mani...

Ho visto fiori

Ho visto fiori Sulla parete dove brontola il tuono E ho radunato i libri Con gesti al buio Annusando pagine di caprifoglio Per favorire la diaspora Di conti in sospeso. Che...

Child soldiers

Poi ci sono io in un villaggio mai neppure nominato. Un cuore polveroso di rocce aguzze dove credere non basta al fuoco dell'inferno alle mutazioni della luna alle radici della...

Addio

La parola da dire é semplice Ma dirla spezza il calore dalle mani Tenute una sopra l'altra Conservano il segreto di te Di me. Rimane il sentiero nudo, da...

Vérité cachée

J'aime l'idée du retour du printemps, la brume dans les narcisses se mêlant aux effluves des bruyères que j'imagine teintées de jaune les portails, les canaux et les grillages. Et dans la...