L’assenza, quell’indice fermo a mezz’aria
a indicare il sussurro, poi il richiamo sonoro, infine l’eco,
ai vivi,
paradisi estinti, che il miele del mondo scorre tra le scapole vuote.
Tra nostri attendibili fuochi
rigurgitati dalle rocce.
L’assenza,
un’iride di latte. Vena prosciugata da
strofe di odissee che non vanno mai a capo.

Testo e foto Incanto Errante

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here