Non sono sicura che
la tigre abbia passi felpati. Piomba
dai deserti segreti dei nomadi
con artigli e dorsi induriti dal fango.
Ma io chi sono, che vado a morire
alla luna?
Ho immerso il cuore nella fiamma
bianca di lei.
E la tigre
vagherá
di soli azzurri perpetui.

Incanto Errante

SHARE
Previous articleOggi
Next articleL’invisibile

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here