Il mirto é a cavalcioni di ringhiere
Nell’isola verde
E il porto, dalle alture,
Ha remi controvento e vele tra l’oggi
E l’astuzia degli Dei.
Abbiamo un appartamento di mare,
Ora.
Ah! Ballare in delicatezza generica
Con caviglie dai muscoli azzurri.

Incanto Errante

Da: Sartie, lune e altri bastimenti

 

SHARE
Previous articleIl gelo
Next articleBruchi e foglie

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here